Parco Nazionale del Lago Sevan

Apr 12, 14 • Guida e monumentiNo CommentsRead More »

Parco Nazionale del Lago Sevan

Il lago Sevan è il più grande ed alto lago di Armenia, sito a circa 1900 metri sul livello del mare, nella provincia di Gegharkunik. Meta apprezzata dagli Armeni durante i mesi estivi e dai viaggiatori, il lago Sevan con il suo Parco Nazionale, è un’importante luogo storico-naturale. Una delle tappe da mettere nel nostro programma di viaggio in Armenia. sevanlago Con le caratteristiche città di Gavar, Martuni, Vardenis e Sevan che si affacciano sul lago, il lago Sevan offre a chi viaggia, la possibilità di entrare in contatto con la storia, il presente ed il futuro dell’Armenia. Che decidiate di visitare i vari Monasteri che si incontrano lungo le sponde del lago ed i soui luoghi storici, o che vi immergiate nella caratteristica bellezza naturale del lago Sevan, troverete sempre molta cordialità e disponibilità da parte degli Armeni, particolarmente orgogliosi e sempre disponibili, a raccontare episodi storici e aneddoti che hanno animato il passato di questo luogo e della sua incantevole natura. È sulle sponde del lago Sevan che in passato si combatterono le battaglie contro le invasioni Arabe provenienti dalla Turchia. Famosa per la battaglia dell’859 in cui Re Ashot riuscì a respingere l’invasione araba. Lo stesso nome del lago, Sevan, sembra abbia origine proprio da uno di questi tentativi d’invasione da parte degli arabi provenienti dalla Turchia. “Secondo la leggenda, nell’imminenza di una delle frequenti invasioni arabe, gli abitanti della città di Sevan, attraversando il lago gelato, si rifugiarono sulla vicina isola (oggi è una penisola) dove era situato il monastero di Sevanavank e qui si barricarono pregando Dio di salvare le loro vite. Quando gli arabi arrivarono, tentarono anch’essi di attraversare il lago ma il ghiaccio cedette facendoli affogare nelle acque ghiacciate. Gli armeni considerarono questo un intervento divino e poiché il lago ricoperto dai cadaveri degli arabi appariva nero lo chiamarono Sevan (Sev in armeno significa “nero”)”.
Ma non solo storia antica sul lago Sevan. sevanlago2
Durante il periodo Sovieto alcune attività atte allo sfruttamento delle acque del lago, hanno messo in pericolo l’equilibrio di questa importante risorsa idrico-naturale, rischiando di compromettere per sempre la vita del lago Sevan e delle città che sorgono sulle sue rive. Ma negli ultimi decenni, con la costituzione del Parco Nazionale del Lago Sevan, gli Armeni hanno avviato un programma di recupero e di valorizzazione ambientale di questa importante risorsa naturale, sia dal punto di vista dello sviluppo delle infrastrutture per lo sfruttamento delle acque del lago, sia per la protezione e la conservazione naturale della flora e della fauna. Particolarmente nutrita la colonia di Gabbiani Armeni che qui sul lago Sevan ha trovato il suo sito per riprodursi. Per gli amemti del Bird watchin, sarà uno spasso osservare le oltre 5000 coppie di Gabbiani che qui si riproducono. Anche Cigni, Oche e la moretta tabaccata possono essere avvistati al lago Sevan. I Mufloni che vengono ad abbeverarsi sulle rive del lago e il Leopardo Persiano, a rischio estinzione, sono tra gli altri frequentatori del lago Sevan. Molto attiva è la pratica della pesca. La Trota Sevan, specie endemica, è oggi messa a rischio dall’introduzione nel lago di altre specie introdotte dall’uomo, come il Coregone o il Gambero Turco. sevanlago1
Molti sono i servizi a disposizione di chi viaggia. Hotel, spiagge libere e caratteristici ristoranti dove poter gustare piatti tipici della tradizione, fanno del Lago Sevan un’imperdibile meta per chi viaggia in Armenia. Un’atmosfera cordiale e vacanziera in un contesto storico-naturale di rara bellezza, questo è il Parco Nazionale del Lago Sevan, questo molto di più è Armenia.

Per Info prossime partenze Aprile e Maggio  clicca l'immagine

Per Info prossime partenze Aprile e Maggio
clicca l’immagine

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *